I servizi del museo

Il blog di Quoquo

Sapiens dictus a sapore (Isidoro di Siviglia) // perché "il sapere non è altro che il dolce assaggio del sapore" (R:Barthes) //
Mercoledì 31 Marzo - ore 17,30. Quinta lezione del corso di cucina
News

Con un menu a base di pesce, adatto al Gusto e anche alla Settimana Santa.
Da gustare, a cena, accostato ad uno straordinario reportage fotografico.



Come dunque aggirare il digiuno e tutti gli altri divieti della Quaresima e punizioni inflitte dai riti della Settimana Santa?
Ci proveremo così e per godere del cibo senza peccare preparemo insieme questo menu, accompagnandolo a certi straordinari vini firmati Masseria L’Astore di Cutrofiano.
A guidare la degustazione e ad illustrare gli abbinamenti sarà Paolo Benegiamo.
A questo punto vi aspettiamo a cena o a lezione e intanto vi riveliamo per intero il menu.

C'è ancora qualche posto disponibile per la cena e qualcuno anche per chi vuole seguire, insieme ai corsisti, questa nuova lezione di Biso.



   Azienda partner:
   Masseria L'Astore - Cutrofiano



Prenota cena - Prenota lezione - Guarda il video del corso

          Il menu

Per primo:

- un risotto di mare ricco di gamberi e gamberetti, cozze dello Ionio, calamari di Leuca e vongole veraci.
Per secondo:
- un filetto di orata in panura morbida su salsa di mugnuli, come preghiera in nome e in onore della biodiversità.
Per dessert:
- una mousse ristoratrice, ricetta segreta di Biso, per offrire un’occasione in più di pentirsi dopo il piacere provato.



In abbinamento visivo e mentale
sullo schermo, ad accompagnare il menu, scorreranno le fotografie di Marcello Moscara tratte dal suo ultimo libro/cubo “Salento. Tutti i Santi Giorni” – Ed. Moscara Associati 2009 – nella foto: riti della Settimana Santa a Gallipoli.



Krita,
Chardonnay e Malvasia Bianca IGT Salento 2008, L’Astore Masseria.

In abbinamento vino / cibo : la Resurrezione del Rosato
Sulla tavola d’artista e sulla tavola apparecchiata il Massaro Rosa celebrerà il trionfo del ritrovato piacere del rosato. Né mancherà un Bianco e sarà straordinario. Sarà il Krita. Come non deliziarci!



Massaro Rosa,
Rosato di Negroamaro IGT Salento 2008, L’Astore Masseria.



Appunti sul corso di cucina (per chi ancora non lo sa)
“La ricchezza di una cucina risiede nella complessità dei sapori e nel modo di trattarli. Dipende dalla qualità dei prodotti e dall’abilità nel comporre con essi delle pietanze”: la frase è di Alain Ducasse, chef della “nouvelle cuisine” innamorato delle cucine mediterranee.
Titti Pece, art director dei corsi di cucina al QuoquoMuseo del Gusto di Viasantelia, a San Cesario di Lecce, usa questa frase per introdurre e accompagnare le lezioni. Che si sviluppano in sei giornate/laboratorio (a partire dal 24 febbraio – ogni mercoledì inizio ore 17,30; ma un altro corso parallelo si sta auto-formando su Facebook da tenersi nelle domeniche pomeriggio). Ogni lezione svolgerà un intero menu. Sui banchi di questa nuova scuola dei sapori i posti sono solo dieci. Si può partecipare anche a lezioni singole: ma, dice Titti, è un vero peccato perdersi dettagli e sfumature, segreti e scoperte, lezione dopo lezione.
La sede è meravigliosa. L’ambiente comunicativo e distensivo. Sapori. Musica. Enoteca. Cineteca. Libri: circondano lo spazio del laboratorio/cucina dove i corsisti lavoreranno con Biso, docente del corso e "cuoco meridiano", come lui ama definirsi.
Alle 20,30, a fine cottura, ecco la prova di degustazione: tutti a tavola per assaporare i frutti e i sapori della lezione di Quoquo, folletto del Gusto da cui il Museo prende nome. E a tavola, con qualche ospite e in veste di esperto, i corsisti non temeranno il giudizio di Paolo Benegiamo, nostro adorato gourmet. Piuttosto e molto saggiamente ne ascolteranno i consigli sulla scelta del vino più adatto al menu.

Date delle lezioni successive – sempre di mercoledì
7 Aprile (ultima lezione con cena saggio finale) - Prenota subito

Per informazioni
380-7558512
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.quoquo.it